Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Crebillon, Claude Prosper Jolyot : de <1707-1777>: 2 schede

Crebillon, Prospere Jolyot : de (1674-1762)

Oeuvres de Crebillon, nouvelle edition, corrigee, revue & augmentee de la vie de l'Auteur
A Paris: chez les libraires associes, 1789
3 v. ; 12o

Crebillon, Claude Prosper Jolyot : de <1707-1777>; Libraires associes <Parigi>

Comprende:
Prosper Jolyot de Crébillon (Digione 1674 – Parigi 1762) poeta e drammaturgo francese, protetto da Madame de Pompadour, fu autore di nove tragedie: Idomeneo (1705), Atreo e Tieste (1707), Elettra (1708), Radamisto e Zenobia (1717, ritenuto il suo capolavoro), Serse (1714), Semiramide (1717), Pirro (1726), Catilina (1748) e Triumvirat (1754). La sua produzione tragica ne fa la figura di transizione tra il classicismo di Pierre Corneille e di Jean Racine e il teatro settecentesco: Jean d'Alembert vide in lui il precursore di un nuovo modo di espressione artistica, mentre i suoi contemporanei vollero contrapporlo a Voltaire. Derivò il gusto truculento di Seneca, visto il suo concepimento del dramma come "un'azione funesta" e la sua tendenza ad "indurre pietà attraverso il terrore".

Crebillon, Prospere Jolyot : de (1674-1762)

Radamisto e Zenobia tragedia di Crebillon. Traduzione dell'Abate Carlo Innocenzo Frugoni
Venezia: dalla tipografia Pepoliana presso Antonio Curti q. Giacomo, 1795
XVI, 109, [1] p. ; 16o. Segn.: a8, A-G8
Impronta: heza ;ee- a,de NeL' (3) 1795 (R)

Crebillon, Claude Prosper Jolyot : de <1707-1777>; Curti, Antonio; Frugoni, Carlo Innocenzo

Coll.: 2184 - E.V 30
Prosper Jolyot de Crébillon (Digione 1674 – Parigi 1762) poeta e drammaturgo francese, protetto da Madame de Pompadour, fu autore di nove tragedie: Idomeneo (1705), Atreo e Tieste (1707), Elettra (1708), Radamisto e Zenobia (1717, ritenuto il suo capolavoro), Serse (1714), Semiramide (1717), Pirro (1726), Catilina (1748) e Triumvirat (1754). La sua produzione tragica ne fa la figura di transizione tra il classicismo di Pierre Corneille e di Jean Racine e il teatro settecentesco: Jean d'Alembert vide in lui il precursore di un nuovo modo di espressione artistica, mentre i suoi contemporanei vollero contrapporlo a Voltaire. Derivò il gusto truculento di Seneca, visto il suo concepimento del dramma come "un'azione funesta" e la sua tendenza ad "indurre pietà attraverso il terrore".
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari