Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Pasinelli, Angelo: 2 schede

Chiari, Pietro

Commedie rappresentate ne' teatri Grimani di Venezia, cominciando dall'anno 1749. D'Egerindo Criptonide, pastor arcade della Colonia parmense
In Venezia: presso Angiolo Pasinelli, in Merceria alla scienza, 1752-1758
4 v. ; 12
Il nome reale dell'autore e Pietro Chiari, cfr.: Melzi, Dizionario di opere anonime e pseudonime, vol. 1., p. 343

Pasinelli, Angelo

Comprende:
Pietro Chiari, nato e morto a Brescia (1712 – 1785), gesuita, drammaturgo, scrittore e librettista italiano appartenne all'ordine dei gesuiti fino al 1747. Abbandonata la congregazione, tra il 1747 e il 1762 fu a Venezia con il titolo di poeta di corte del duca Francesco III d'Este, però senza tenere alcuna carica pubblica. In questo periodo scrisse circa una sessantina di commedie, che lo portarono spesso a scontrarsi, almeno fino al 1761, con Carlo Goldoni. Dal 1761 al 1762 fu direttore della Gazzetta Veneta. Dal 1762 trascorse gli ultimi anni di vita nella sua città natale. Fu anche autore di numerosi libretti d'opera. Parte dei suoi lavori furono pubblicati nelle raccolte Commedie (Venezia 1756, Bologna 1759-62), Nuova raccolta di commedie (Venezia 1762) e Tragedie (Bologna 1792). Tra i suoi lavori principali spiccano le Lettere ad una "dama di qualità", un'opera realizzata, in modo unitario, attraverso una lunga serie di lettere, scritte con improntitudine, sagacia e satira, volte a raccontare pregi e difetti, vizi e virtù dell'uomo antico e di quello moderno.

Chiari, Pietro

Nuova raccolta di commedie in versi dell'abbate Pietro Chiari ... Tomo primo [-secondo]
In Venezia: presso Angelo Pasinelli all'insegna della Scienza, 1763-1764
2 v. ; 8
Marca calcogr. (Scienza) sui front.

Pasinelli, Angelo

Comprende:
Pietro Chiari, nato e morto a Brescia (1712 – 1785), gesuita, drammaturgo, scrittore e librettista italiano appartenne all'ordine dei gesuiti fino al 1747. Abbandonata la congregazione, tra il 1747 e il 1762 fu a Venezia con il titolo di poeta di corte del duca Francesco III d'Este, però senza tenere alcuna carica pubblica. In questo periodo scrisse circa una sessantina di commedie, che lo portarono spesso a scontrarsi, almeno fino al 1761, con Carlo Goldoni. Dal 1761 al 1762 fu direttore della Gazzetta Veneta. Dal 1762 trascorse gli ultimi anni di vita nella sua città natale. Fu anche autore di numerosi libretti d'opera. Parte dei suoi lavori furono pubblicati nelle raccolte Commedie (Venezia 1756, Bologna 1759-62), Nuova raccolta di commedie (Venezia 1762) e Tragedie (Bologna 1792). Tra i suoi lavori principali spiccano le Lettere ad una "dama di qualità", un'opera realizzata, in modo unitario, attraverso una lunga serie di lettere, scritte con improntitudine, sagacia e satira, volte a raccontare pregi e difetti, vizi e virtù dell'uomo antico e di quello moderno.
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari