Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Fontana, Bartolomeo: una scheda

Errico, Scipione

Le rivolte di Parnaso. Comedia di Scipione Herrico
In Venetia: per Bartolomeo Fontana, 1626
144 p. ; 12o. Segn.: A10, B-F12.
Marca: MARCA NON CENSITA
Marca tipograf. al frontesp. con motto: Nunquam sicc abitur aestu.

Fontana, Bartolomeo

Coll.: 1869 - F.I 4
Scipione Errico (1592-1670), sacerdote e teologo messinese, filosofo, scrittore e poeta, membro dell'Accademia della Fucina di Messina col nome di Occupato e dell'Accademia degli Incogniti di Napoli, scrisse il dialogo "L'occhiale appannato" (1629) contro l'"Occhiale" di Stigliani, le Rime (1619), Poesie liriche (1646), le commedie aristofanesche (Le rivolte di Parnaso 1625, Le liti di Pindo 1634) e un romanzo-trattato di genere allegorico didattico dal titolo Guerre di Parnaso (1642). Nel 1910 Benedetto Croce riscoprì questo autore, dimenticato dagli storici fino ad allora, ripubblicando il poemetto "La via lattea", interessante per la sua morbida sensualità. Errico fu un sostenitore del valore spettacolare e culturale del neonato melodramma e anche un severo teologo e controversista della Curia pontificia. Come poeta e scrittore è un minore, teso a fondere il mito classico e i giochi scaltriti del barocchismo (tra chiasmi, giochi di suoni e paronomasie ecc.) e l'adesione all'erotismo compiaciuto e aproblematico. Fu un abile seguace di Marino.
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari