Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Comin da Trino: 3 schede

Monte, Conte : da <1587m.>

Antigono tragedia de l'ecc. m. Conte di Monte vicentino
In Venetia: per Comin da Trino di Monferrato, 1565
[4], 59, [1] c. ; 4°. Segn.: p4 A-P4.
Impronta: i-i- e:a. a;ta ChCa (3) 1565 (R)
Marca (V316) sul front. Cors.; rom. Contenuto: cc.p/2r-p/3v: dedicatoria a Francesco Pisani di Giovan Battista Maganza. A c.p/4v: "Persone della tragedia". cc.A/1r-P/3v: testo. c.P/3v: errata corrige

Comin da Trino

Coll.: 1686 - F. V 13
Conte Da Monte, <ca. 1520-1587> medico e letterato, nacque verso il 1520 a Mason (Vi) e morì nel 1587. Il vero cognome era Pigatti, ma dopo la laurea assunse quello della madre. Fu medico molto affermato a Vicenza e poi professore a Padova.

Parabosco, Girolamo

La Progne tragedia noua di M. Girolamo Parabosco
In Vinegia: a San Luca al segno della Cognitione, 1548 (In Vinegia: per Comin da Trino, 1548)
32 c. ; 8o. Segn.: A-D8.
Impronta: dis- dee; a.go AcTo (3) 1548 (R)
Marca: MARCA NON CENSITA
Marca non censita (Busto di uomo che regge un libro tra le mani: Invidiam placare paras virtute relicta) sul front. Cors.; rom. Iniziali xil. I. ed.

Al segno della ‰Cognizione; Comin da Trino

Coll.: 2390 - E.II 22. Riportata su CD 118
Girolamo Parabosco, organista, compositore e scrittore nato a Piacenza intorno al 1524, morì a Venezia nel 1557. Soggiornò alle corti di Urbino e Ferrara per poi stabilirsi a Venezia. Protetto da Anna d’Este fu a Ferrara nel 1548, nel 1549 e 1550 a Piacenza e quindi a Brescia, Padova e Verona; dal 1551 ricoprì il posto di organista nella cappella ducale di S. Marco a Venezia e qui visse avventurosamente, godendo il favore di letterati e musicisti. Oltre alla produzione musicale (due pezzi strumentali, un Benedictus, 28 Madrigali a cinque voci) compose anche liriche, poemetti e commedie (Il viluppo, L’ermafrodito, Il marinaio, Il pellegrino e altre). Più importanti artisticamente sono "I diporti" divisi in tre giornate (1550), una raccolta di diciassette novelle sul tipo di quelle del Decamerone analogamente architettate, alcune delle quali interessanti e vivaci. La lettera dedicatoria dell'autore "Al Nobile et Valoroso Signor Christoforo Mielich" é senza data.

Pescatore, Giovanni Battista <m. 1588>

Nina comedia di Giouambattista Pescatore Nobile di Rauenna
In Vinegia: per Comin da Trino, 1557 ([Venezia: al segno del Diamante])
63, [1] c. ; 8o. Segn.: A-H8.
Impronta: e-ma e.io e,ra StCe (3) 1557 (R)
Marca: Un anello con diamante intrecciato con un ramo di palma e uno di olivo. Sul nastro motto: Nil me durius.
Ritratto dell'A. al frontesp. Marca del segno del diamante (V342) all'ultima c. Cors.; rom. Iniziali e fregi xilogr. I. ed.

Al segno del ‰Diamante; Comin da Trino

Coll.: 1889 - F.I 24. Riportata su CD 117
Giouambattista Pescatore morto nel 1558, poeta romagnolo di nobile famiglia, ebbe un seggio al Senato di Ravenna. Si prefisse di continuare l’Orlando Furioso e scrisse nel 1548 “La morte di Ruggero continuata alla maniera dell’Ariosto” poema in 40 canti, poi “La vendetta di Ruggero” nel 1556, seconda continuazione dell’Orlando in 25 canti. Fu autore anche di una commedia “La Nina”. La lettera dedicatoria dell'autore a "Monsignor Pietro Donato Cesio, vescovo di Narni", é datata: 30 set. 1557.
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari