Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Pazzoni, Alberto: 3 schede

Bonarelli, Guidubaldo<1563-1608>

Filli di Sciro favola pastorale, e difesa del doppio amore di Celia del sig. conte Guid'Ubaldo Bonarelli della Rovere Accademico Intrepido con l'aggiunta della vita dell'Autore. All'Altezza Serenissima di Anna Isabella duchessa di Mantova,...
In Mantova: per Alberto Pazzoni, 1703
[16], 417, [28] p. ; 12o. Segn.: 8 A-S12 T6. Ultima c. bianca
Impronta: i-o, poA- a-pe l'mi (3) 1703 (R)

Pazzoni, Alberto

Pubblicato in: Opere del Signor Conte Guid'Ubaldo Bonarelli della Rovere accademico intrepido.
Coll.: 2222 - E.V 68
Guidubaldo Bonarelli, nacque ad Urbino nel 1563 e morì a Fano nel 1608. Fu mandato in Francia a studiare teologia, ma non volle seguire la carriera ecclesiastica e preferì l'ufficio di maestro di camera presso il duca di Ferrara, che apprezzando in lui il vivido intelletto, non tardò ad affidargli missioni delicate. Seguendo le vicende degli Estensi, passò poi a Modena ai servigi del duca Cesare e poi del Cardinale Alessandro che lo avrebbe voluto suo primo maggiordomo in Roma. Benchè malato per accettare l'invito, postosi in viaggio, fu sorpreso dalla morte a Fano nel 1608. La fine immatura tolse all'autore la possibilità di lasciare frutti copiosi del suo ingegno, ma alla sua fama bastò la Filli di Sciro, commedia pastorale che egli donò alla Accademia degli Intrepidi di Ferrara, dove venne pubblicata nel 1607. E' giudicata ciò che di meglio, il già stanco genere pastorale produsse nel XVII sec. Non le mancano eleganza, musicalità di versi, nè sapienza di costruzione scenica, ma il caso psicologico da cui vorrebbe derivare la sua originalià non fu accettato. Trattasi del doppio amore di Celia che in "Filli di Sciro" si innamora con la stessa passione di due giovani che l'hanno salvata da un centauro. I contemporanei sentirono l'ardimento e l'inverosimiglianza di siffatta invenzione e lo stesso autore fu costretto a giustificarla attraverso numerose pagine di prosa. Tutto ciò non impedì alla Filli di avere grandissima fortuna in Italia e fuori, come dimostrano le molte edizioni, le traduzioni e le non rare imitazioni.

Follard <Compagnia di Gesu>

Il Temistocle tragedia, ultimamente composta in franzese dal Padre Follard della Compagnia di Gesu, dedicata all'Illustrissimo, e Reverendissimo Monsignore Antonio de' Conti Guidi di Bagno Vescovo di Mantova... da' convitori del Seminario e da' medesimi rappresentata nelle vacanze del Carnovale dell'anno 1733
In Mantova: nella Stamperia di S, Benedetto, per Alberto Pazzoni Impress. Arciduc., [1733]
99, [1] p. ; 16o. Segn.: A-B16, C18.

Pazzoni, Alberto

Coll.: 2119 - E.VI 32
Francois Melchior Folard <1683-1739> gesuita, fu membro dell' Académie des Sciences et Belles Lettres di Lione

Gobbi, Antonio

Antonii Gobii ... Tractatus de jure intestatae successionis ad interpretationem Statuti Mantuae sub rubrica de successionibus ab intestato, aliorumque statutorum, universi fere orbis de materia successionum disponentium, opus summo studio, ac labore ad solius veritatis indaginem, juxta communiores sententias, resque in foris judicatas fideliter digestum, cum duplici indice, argumentorum scilicet, ac rerum notabilium locupletissimo ...
Mantuae: apud Albertum Pazzonum, 1701
[16], 340, 27, [1] p., 1 c. di tav. : ritr. ; fol. Segn.: [croce]8 chi1 A-2T4 2V2 a-b4 c6. La c. [croce]1 e l' ultima p. bianche.
Impronta: ums- r.us *,t, 38su (3) 1701 (R)
Marca sul front. (Dromedario. Motto: Dat labor annos). Front. stampato in rosso e nero. Esemplare mutilo del frontespizio

Pazzoni, Alberto

Coll.: 3085 - C.VIII 3
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari