Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Busdraghi, Vincenzo: 2 schede

Cavalcanti, Bartolomeo <1503-1562>

Giuditio sopra la Tragedia di Canace & Macareo con molte utili considerationi circa l'arte tragica, et di altri poemi con la Tragedia appresso
[Lucca: Vincenzo Busdrago] (In Lucca: per Vincentio Busdrago, a di 4. di Maggi)
95, [1] c. ; 8o. Segn.: A-B8 C-Y4.
Impronta: lea- coma reia netr (3) 1550 (R)
Marca: Drago con viso d'uomo con barba.
Cors.; rom. Iniziali e cornice xil. La tragedia Canace di Sperone Speroni inizia con proprio front. a c.55. Marche di Busdrago sui front.(n.c. e Z465) e in fine n.c. (drago). Var. B: magio in luogo di maggio nel colophon

Busdraghi, Vincenzo; Speroni, Sperone <1500-1588>

Comprende:
Coll.: 2122 - E.VI 35
Prima edizione delle osservazioni di Cavalcanti sulla Canace di Speroni e quarta edizione della tragedia stessa. Tre edizioni apparvero nel 1546. Per secoli questo scritto, pubblicato anonimo per la prima volta nel 1550 a Lucca da Vincenzo Busdrago, fu considerato opera di Bartolomeo Cavalcanti. Di gran lunga più probabile pare ai nostri giorni l'attribuzione al Giraldi, cui l'opera é formalmente dedicata (cfr.: Speroni, Sperone Canace e scritti in sua difesa, p. XXIII-XXIX.) Il tomo contiene anche: Canace tragedia di messer Sperone Speroni (Padova 1500-1588) nobile padouano, che inizia con proprio front. a c.55. La Canace composta nei primi mesi del 1542 (ad un anno di distanza dell'Orbecche del Giraldi) fu subito sottoposta al giudizio statutario dei membri dell'Accademia padovana degli Infiammati, e fu divulgata manoscritta dentro e fuori l'ambito padovano suscitando ben presto inevitabili ed animose discussioni che si protrassero per oltre mezzo secolo. Dopo la I ed. del 1546 di Vincenzo Valgrisi, Venezia, la tragedia fu ristampata 4 volte. L’autore a causa delle polemiche che l’opera suscitò, cercò di sedarle con l’Apologia (1550), poi rimasta incompiuta.

Baroncini, Giuseppe <m. 1547?>

Tragedia di m. Giuseppe Baroncini da Lucca
In Lucca: per lo Busdrago, 1552
[24] c. ; 8°. Segn.: A-C8
Impronta: o;lo e.re aizi LaAn (C) 1552 (R)
Marca: Drago con viso d'uomo con barba.
Marca (Z465) sul front. Cors.; rom. Fregi xil. Rilegata con Scilla. Tragedia di m. Cesare de' Cesari.

Busdraghi, Vincenzo

Coll.: 11699 - E.V 29. Riportata su CD 9/2
Giuseppe Baroncini, poeta faentino o lucchese, morto prima del 1547, autore di numerosi sonetti, canzoni, madrigali e di cui, dell’opera teatrale, rimane soltanto questa tragedia. L'Allacci dice che potrebbe intitolarsi "Flaminio" che fu rappresentato a Bologna nel 1542 "in casa di M. Nicolò Liena all'hora auditore di ruota" a spese degli studenti lucchesi. Fondata su una fragile trama favolistica riflette nell'inconsistenza psicologica dei personaggi e nell'ingenuità della struttura classica, l'incerta applicazione dei canoni aristotelici da parte dei primi seguaci del Giraldi.
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari