Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Baglioni, Tommaso: una scheda

Casoni, Guido <1561-1642>

Il giuoco di fortuna comedia del sig. caualier Guido Casoni
In Venetia: appresso Tomaso Baglioni, 1622
180 p. ; 12o. Segn.: A-F/1/2G/18.
Impronta: n-,& a-a- c-di rola (3) 1622 (R)
Marca ? (Aquila bifronte) sul front.

Baglioni, Tommaso; Casoni, Guido <ca. 1561-1642>

Coll.: 1870 - F.I 5
L'opera segnalata in Allacci, 417, é attribuita al Cav. Guido Casoni, di Serravalle. Notaio, avvocato, poeta, socio dei Perseveranti e degli Incogniti, in corrispondenza col Marino, nato a Serravalle (Vittorio Veneto) nel 1561 e morto nel 1642, fu un personaggio di rilievo nella sperimentazione concettistica tra i due secoli. Le sue "Ode" in numero di 38 furono raccolte nel 1602 e riproposte più volte fino al 1639; più tardo ma non meno fortunato é il teatro poetico, stampato a Treviso nel 1615. La strumentazione concettosa del Casoni è molto agguerrita: tocca l'artificio della parola "dipinta" nei calligrammi del poemetto "La Passione di Cristo" le cui dodici strofe dipingono i versi in modo da figurare gli strumenti della Passione, ma il suo genio é tutto metaforico. (Il concettismo tra Cinque e Seicento di Carmine Jannaco, Martino Capucci - 1986)
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari