Home
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca:

Longhi: 53 schede

31.

Fivizzani, Giuseppe <sec. 17.>

L' inuidia carnefice di se' stessa. Opera tragicomica del sig. Giuseppe Fiuuizani lucchese
In Bologna: per il Longhi, 1603 [i.e. 1703]
115, [5] p. ; 12o. Segn.: A-E12.
Impronta: e.di tio? o.a, etLo (3) 1603 (R)
La datazione di Bruni Evans 1683 certamente errata, imprimatur in nome del card. Giacomo Boncompagni, eletto nel 1695.

Longhi

Coll.: 2089 - E.VI 2

32.

Tirinto Accademico Rinato

La pazzia politica di Roberto Re di Sicilia. Opera scenica di Tirinto Accademico Rinato
In Bologna: per il Longhi, [17..]
152 p. ; 12o. Segn.: A-E12, F6 (erron. segnata G6).
Impronta: a.a- iao- e-o. meos (3) 0000 (Q)

Longhi

Coll.: 1818 - F.II 10

33.

Corneille, Thomas <1625-1709>

Laodice tragedia di Tommaso Cornelio tradotta dal francese
In Bologna: per il Longhi
138, [6] p. ; 12o. Segn.: A-F12. Bianche F11-12.
Impronta: pos- rei- n-n' nane (3) 1700 (Q)
Fregio sul front.. Pubblicato intorno al 1700. Trad. in prosa

Longhi

Coll.: 2197 - E.V 43
Thomas Corneille (Rouen 1625–Andelys 1709), fratello del più celebre Pierre, di quasi vent'anni più anziano, fu drammaturgo francese. Esercitò la professione legale per qualche tempo, ma in seguito alla sua passione per il teatro seguì la via già intrapresa dal fratello. Dopo alcuni successi fortunati, si cimentò nell'opera tragicomica il Timocrate (1656), che ebbe un clamoroso successo. Lasciò 42 componimenti tra cui i più famosi come tragedie furono: "Ariane" e le Comte d'Essex (1678) tragedia storica considerata il suo capolavoro. Nel 1673, alla morte di Molière gli successe come autore della sua compagnia teatrale e nello stesso anno venne rappresentata la più famosa opera "Le festin de Pierre", un adattamento in versi dell'opera di Molière, Dom Juan. Dopo la morte del fratello Pierre nel 1684, gli successe all'Accademia di Francia, dove venne eletto il 2 gennaio 1685 all'unanimità, prendendo attivamente parte ai lavori del dizionario de l'Académie. La sua opera ebbe una certa fortuna anche in Italia dove vennero tradotte e rappresentate tragedie, commedie e drammi.

34.

Grassi, Simone <n.1650>

La marchesa d'Unsley. Opera scenica di Simone Grassi fiorentino accademino fra gl'infecondi di Roma
In Bologna: per il Longhi, [1711]
129, [1] p. ; 12o. Segn.: A-E12, F6. Il 1711 e la data dell'imprimatur. Var. B: 140, [4] p. Segn.: A-E12, F12. Le cc. F11 e F12 sono bianche.
Impronta: lai- e.r- e.e? OrEc (3) 1711 (Q)

Longhi

Coll.: 2144 - E.VI 57

35.

Cicognini, Giacinto Andrea

Il Mustafa opera scenica del sig. dottor Giacinto Andrea Cicognini fiorentino
In Bologna: per il Longhi, 1678
128, [4] p. ; 12o. Segn.: A-E12F6.
Impronta: *.r, o-a. ai,e meui (3) 1678 (A)

Longhi

Coll.: 10140 - E.III 38 / 2357 - E.III 51
Giacinto Andrea Cicognini (Firenze, 1606 – Venezia ?, 1650) figlio del poeta e drammaturgo Jacopo Cicognini, acquisì una notevole fama sia come drammaturgo che come librettista, producendo diversi lavori drammatici, tragedie, commedie, commedie sacre e libretti d'opera, quasi tutti scritti per i teatri d'opera veneziani. I suoi drammi furono musicati dai più celebri compositori dell'epoca, fra i quali si ricordano Francesco Cavalli, Antonio Cesti e Francesco Lucio. Cicognini fu una delle figure più importanti del dramma per musica del XVII secolo, nel quale egli fuse elementi sia di stampo tragico che comico e ricevendo talvolta alcune influenze dalla letteratura spagnola dell'epoca. I suoi lavori più celebri furono L'Orontea e Il Giasone (musicati rispettivamente da Cavalli e da Lucio), i due melodrammi più popolari in Europa durante il Seicento. Degli autori di comedie che leggevo e rileggevo spesso, il mio preferito era Cicognini", scrisse Goldoni nei "Mémoires", a conferma della larga fortuna che ancora nel Settecento ebbe l'ingente produzione dello scrittore fiorentino. Cfr., sull'arte del Cicognini: Sanesi, cit.; Belloni, Il Seicento, pp. 268-268, 290-291 e passim; Renda-Operti, 296-297. Cfr. Flavia Cancedda e Silvia Castelli, Per una bibliografia di Giacinto Andrea Cicognini. Successo teatrale e fortuna editoriale di un drammaturgo del Seicento, Firenze, 2002.

36.

Berneri, Giuseppe <1637-1701>

L' onesta riconosciuta in Genuefa che fu poi santa di questo nome. Opera sacra scenica del signor Giuseppe Berneri romano
In Bologna: per il Longhi, 1693
120 p. ; 12o. Segn.: A-E/1/2.
Impronta: n.us u-hi ol'e Pavi (3) 1693 (R)
Fregi xil.

Longhi

Coll.: 2242 - E.IV 16
Giuseppe Berneri (Roma, 1637–Roma, 1701)fu poeta e commediografo. Non si sa molto della sua vita. Nato e vissuto a Roma, fu membro di diverse accademie letterarie del suo tempo, e soprattutto segretario dell’Accademia degli Infecondi, intesa a promuovere un teatro edificante religioso. Fu autore di drammi sacri e di commedie, noto soprattutto come autore del "Meo Patacca ovvero Roma in feste nei trionfi di Vienna", un poema eroicomico in ottave, scritto in dialetto romanesco. Morì probabilmente a Roma nei primi anni del XVIII secolo (era ancora in vita nel 1701).

37.

Giannini, Giovanni Matteo <sec. 17>

Operare, e non saperlo. Rimirare, ed ingannarsi. Opera scenica del dottore D. Gio. Matteo Giannini
In Bologna: per il Longhi, 1693
120 p. ; 12o. Segn.: A-E12.
Impronta: e.o, ++l- t.n- Invn (3) 1693 (R)

Longhi

Coll.: 2102 - E.VI 15

38.

Grassi, Simone <n.1650>

Piu fatti, che parole. Opera scenica di Simone Grassi fiorentino accademico fra gl'Infecondi di Roma
In Bologna: per il Longhi, 1719
142, [2] p. : 12o. Segn.: A-F12. Bianca l'ultima c.
Impronta: *.S. o.a? e-.) Misi (3) 1719 (R)

Longhi

Coll.: 2143 - E.VI 56

39.

Todini, Pietro Paolo <sec. 17.>

La prodiga figliuola Margarita la beata di Cortona, rappresentazione. Di Pietro Paolo Todini sacerdote d' Atri
In Bologna: per il Longhi
142, [2] p. ; 12o. Segn.: A-F12
Impronta: .ii r.o- i?e? MaFe (3) 0000 (Q)
Bianca l' ultima c.. Probabilmente pubblicato alla fine del XVII sec.

Longhi

Coll.: 2336 - E.III 30

40.

Piperno, Pietro <fl. 1624-1682>

Il reo innocente opera tragica dell'Accademico Oscuro, data in luce da Bartolomeo Lupardi
In Bologna: per il Longhi, 1696
167 [1] p. ; 12o. Segn.: A-G12.
Impronta: 0.a. ++ha goe. chch (3) 1696 (A)
Accademico Oscuro é il nome accademico di Pietro Piperno.

Longhi; Lupardi, Bartolomeo <sec. 17.>

Coll.: 1961 - E.VIII 28
 
Progetto grafico MediaCompass.com Biblioteca online software di Matteo Vaccari